Chi bolle al cinema? John Carter

Locandi del film

 

Dopo essere riusciti a finire i compiti a tempo record non potevamo mancare al debutto di Andrew Stanton con un film di passaggio dall’animazione pura al cinema in carne ed ossa. A dirla tutta sembra più un film di transizione perchè anche qui personaggi di computer grafica c’è ne sono per tutti i gusti….ma andiamo con ordine.

John Carter, cercatore d’oro ed ex soldato sudista, fuggendo dagli indiani e dall’esercito statunitense incappa in una figura misteriosa, uccisa la quale viene involontariamente teletrasportato su Marte, dove la diversa gravità gli conferisce forza e agilità superiori a tutte le diverse specie abitanti il pianeta. Subito coinvolto nelle lotte tra tribù per la supremazia, a causa dell’inconsapevole salvataggio della principessa del regno di Helium, l’alieno provenuto dalla Terra riuscirà a tornare sul pianeta d’origine solo quando il suo desiderio sarà diventato rimanere sul pianeta rosso.

Tutto il film ha un ritmo altissimo, un mix tra un film Pixar (ma va?!) e un videogame (vi ricordate Another World per Amiga…) capace di tenere incollato lo spettatore nel mondo 3D, per una volta usato in maniera umana anche se, nei combattimenti il mal di mare si avverte. L’animazione dei personaggi è di gran lunga superiore alla media. Con la sua esperienza Andrew Stanton ogni personaggio ha una grazia, una perfezione nei movimenti e nei dettagli davvero notevole.

Per concludere un bel film di avventura fantasy che ha un due soli punti morti: Il primo dopo 5 minuti, quando mio figlio in versioni occhialoni 3d mi dice” Ma mi avevi detto che ci sarebbero stati tanti mostri…..,  Il secondo a metà del primo tempo ” Quando andiamo a prendere le patatine?”. Per il resto del film il vostro piccolo marziano seguirà con attenzioni i mostri a 4 braccia e fuori dalla sala vi chiederà di saltare come John Carter :)

 


Leave a Reply